Immagine
 Les Calanques (Marsiglia)... di Carla
 

"Siete stati manipolati a un livello più profondo di quanto immaginiate." L’isola di Gaia




Cerca per parola chiave
 
<< Torna alla home page di Anakina.Net                                                                                                                             Ricevi solo le novità più importanti su Telegram >>
\\ Blog Home : Articolo
Futuri self-publisher a Varese: resoconto della mia esperienza come insegnante all’Università dell’Insubria
Di Carla (del 29/06/2016 @ 17:56:09, in Eventi, linkato 1777 volte)
        

Immagine da Infoinsubria.com
Lo scorso mese ho avuto l’opportunità di tenere un corso integrativo all’Università degli Studi dell’Insubria. È stata un’esperienza particolare perché mi ha vista ritornare dietro una cattedra a dodici anni da quando ho smesso di lavorare all’università qui a Cagliari. Allora facevo l’assistente della professoressa di Ecologia, adesso invece ho potuto tenere un corso tutto mio in un campo completamente diverso, quello del self-publishing. Ma la soddisfazione di lavorare con degli studenti che sono lì per loro scelta, e che quindi sono in buona misura interessati all’argomento, è sempre la stessa.
 
Il corso, che si è svolto in quattro lezioni da quattro ore ciascuna, ha avuto luogo nell’arco di due settimane all’inizio e alla fine di maggio, ed è stato preceduto da una breve conferenza. In quest’ultima (a essa si riferiscono le mie due foto), cui era stato dato il titolo provocatorio “Il futuro dell’editoria: gli editori sono destinati a scomparire?”, ho illustrato come l’avvento del self-publishing stia rivoluzionando l’editoria, quali tipi di rapporti tra questo e l’editoria tradizionale si siano sviluppati nel giro di pochi anni e alcuni possibili previsioni su cosa accadrà in futuro.
 
La mia opinione, a tal proposito, è che si osserverà un sempre maggiore fenomeno di convergenza da parte dei due formati editoriali. Gli editori tradizionali daranno sempre più spazio a collaborazioni alla pari con i self-publisher, poiché questi ultimi diventeranno più preparati e meglio inseriti nel mercato. Dall’altra parte avremo un self-publisher che si avvicinerà sempre più a essere lui stesso un editore tradizionale, trasformando la propria attività in un’azienda. Ciò sta in realtà già accadendo, ma io credo che diventerà sempre più la regola, anche se nel mezzo resteranno tutte le altre gradazioni, dal self-publisher purista che fa tutto o quasi da sé all’editore che se potesse continuerebbe a negare anche l’esistenza del self-publishing o addirittura quella dell’ebook.
Il risultato generale sarà una maggiore diversità del mercato, una maggiore concorrenza in cui solo il più resiliente prospererà. E in questo scenario chi ricaverà i maggiori vantaggi sarà senza dubbio il lettore, che avrà a disposizione libri più vari, meglio prodotti e meno cari.
 
Ma come si diventa dei self-publisher in grado di affrontare nel migliore dei modi l’evoluzione del mercato editoriale?
Ho provato a spiegarlo nelle sedici ore del corso integrativo “Self-publishing nei sistemi multimediali” rivolto agli studenti del corso di laurea in Scienze della Comunicazione, ma aperto anche al pubblico.
 
Nella prima lezione, dopo aver fatto una breve introduzione sul self-publishing (che significa autoeditoria e non autopubblicazione!), mi sono concentrata sulla figura del self-publisher nel ruolo di autore. Esiste una profonda differenza tra scrivere per un editore tradizionale e farlo con la consapevolezza che diventeremo editori di quel libro. A parte la certezza della pubblicazione, che già di per sé è un grande stimolo, ci si dedica alla scrittura con un piglio diverso, tenendo bene in mente un piano editoriale più ampio, sfruttando da subito le occasioni per promuoversi e per portare avanti una parte del lavoro che tornerà utile più avanti.
 
Nella seconda lezione mi sono invece concentrata su quello che è il cuore del mestiere del self-publisher: il ruolo di editore. Esso comprende tutte le attività che portano il manoscritto a diventare un prodotto editoriale di qualità e quest’ultimo a essere messo in vendita. È anche il ruolo in cui il self-publisher ha completo controllo della sua attività, senza dover dipendere dai capricci dell’ispirazione (con cui bisogna fare i conti quando si scrive) o da quelli della fortuna (che entrerà in gioco dopo). Tutto dipende dalle sue capacità, dalle sue competenze e dal suo impegno ad acquisirne delle nuove. Il self-publisher nel ruolo di editore non ha scuse: se il prodotto che pubblica non è di buona qualità, è colpa sua e sta a lui rimediare. Se è di ottima qualità, be’, il merito è tutto suo.
 
La terza lezione, invece, ha affrontato la parte imprenditoriale del self-publishing, che riguarda tutte le attività che fanno sì che il libro pubblicato arrivi al massimo numero possibile di lettori, permettendo che gli sforzi compiuti come autore e editore conducano al meritato ritorno economico. Questo aspetto è il più complesso da affrontare, perché non esiste un modo giusto e ognuno di noi self-publisher è destinato a trovare la propria strada che funziona, una strada irriproducibile non solo da altri ma anche da sé stesso, vista la mutabilità del mercato. Perciò, durante questa lezione, ho cercato di suggerire tutta una serie di approcci portati avanti sia da me che da altri self-publisher di successo, presentandoli come esempi o come possibile punto di partenza da cui possano scaturire nuove idee vincenti.
 
Infine, nell’ultima lezione, ho dato la parola agli studenti, che partendo da quanto era stato loro esposto finora si sono calati nel ruolo di self-publisher, immaginando di pubblicare un libro, e hanno realizzato un piano editoriale dettagliato per la loro opera immaginaria. Sono venuti fuori una serie di spunti interessanti, sinossi e copertine intriganti (ve ne riporto una che ho su file; gli studenti hanno usato immagini prese da Google, ma trattandosi di un uso didattico non si intende in alcun modo violare il copyright dell’autore della foto). Uno studente ha persino presentato delle recensioni, ovviamente inventate, scritte da autori come Stephen King e testate nazionali come La Repubblica.
È un peccato che quei romanzi non esistano davvero. Io li avrei acquistati tutti!
 
Insomma, nel complesso è stato proprio un bel corso, almeno dal mio punto di vista. Spero che sia piaciuto anche a loro e, soprattutto, che ne abbiano tratto degli insegnamenti utili. Magari un giorno non tanto lontano qualcuno di loro diventerà un self-publisher, anzi c’è chi ha colto l’occasione per riprendere in mano un vecchio blog e iniziare già a fare un po’ di pre-promozione.
In bocca al lupo a tutti!
blog comments powered by Disqus
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa

Do you speak English?
Click to visit the English blog!

Ci sono 3108 persone collegate

ATTENZIONE: La navigazione su questo sito implica l'accettazione della
Privacy Policy
Follow on Bloglovin

Acquista i miei libri su








Puoi acquistare i miei libri anche su:
   
Scarica l'app di Nook per Windows 8.1   
Ebook acquistabili direttamente dall'ereader Leggi gli ebook su 24Symbols!



Cinque anni di "Deserto rosso"!



Lavori in corso
Sirius. In caduta libera:
Pre-scrittura



Iscriviti alla mailing list
per non perdere le offerte e i giveaway
L'iscrizione avviene su Yahoo!Gruppi

Segui Anna Persson su Twitter

Official MI Representative

Italian Mars Society

Titolo
- Categorie - (5)
Autori preferiti (3)
Calcio (6)
Cinema (26)
Eventi (24)
Interviste (34)
Links (2)
Luoghi dei romanzi (14)
Miscellaneous (2)
MP3 (2)
Musica (138)
Podcast (22)
Poems (8)
Rassegna stampa (11)
Riconoscimenti (2)
Sardegna (1)
Scena del crimine (7)
Scienza (13)
Scrittura & Lettura (398)
Serie TV (8)
Stories (1)
Thoughts (5)
Varie (17)
Viaggi (3)
Video (7)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:

Powered by Disqus
< settembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Titolo
Qual è il genere di romanzi che preferite leggere?

 Narrativa non di genere
 Thriller, gialli, noir
 Fantasy classico (maghi, elfi, ecc...)
 Gotico, horror, paranormale (vampiri, fantasmi, ecc...)
 Fantascienza
 Rosa
 Classici
 Storie vere
 Avventura
 Storico


Scarica gratuitamente la fan fiction
"LA MORTE È SOLTANTO IL PRINCIPIO"
cliccando sulla copertina.
La morte è soltanto il principio
Disponibile su Smashwords.




Titolo

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Gli autori non sono responsabili di quanto contenuto in siti esterni i cui link sono riportati su questo sito.



Copyrighted.com Registered & Protected 
0QYV-GG1E-5QAO-UCO3
 



20/09/2017 @ 02:12:55
script eseguito in 111 ms







Amazon International Bestseller