\\ Blog Home : Articolo : Stampa
Moon Hunter - George D. Morgan
Di Carla (del 21/09/2015 @ 19:25:09, in Scrittura & Lettura, linkato 2025 volte)

 A caccia di rover sulla Luna
 
Ancora una volta mi ritrovo a leggere un libro di fantascienza hard ambientato sulla Luna, fatto che già di per sé ne assicura un notevole gradimento. Ed effettivamente questo libro ha molti aspetti positivi.
Morgan costruisce con precisione una trama complessa e crea un mondo molto particolareggiato nei dettagli. È evidente quanto l’autore abbia lavorato a questo libro, probabilmente diversi anni. La stessa parte scientifica è abbastanza plausibile, almeno in buona misura. Le scene d’azione sono talmente ben mostrate che ti pare di stare lì nei panni dei personaggi a viverle. E, infatti, l’identificazione nei personaggi principali, soprattutto in alcune scene, avviene in maniera spontanea ed efficace. Infine l’epilogo è carino e intrigante, lasciando il lettore con un finale aperto che permette di fantasticare su cosa potrebbe accadere dopo.
Nonostante tutte queste considerazioni positive, non solo non sono riuscita a dare la quinta stellina, ma a tratti sono stata in dubbio se dare pure la quarta. I motivi sono tanti. Vediamoli uno per uno.
In primo luogo, nel libro c’è davvero troppo info-dump. Io sono la prima che ama l’approfondimento nei libri, soprattutto se riguarda alcuni argomenti di mio interesse, come l’astronautica, ma qui l’autore va oltre. Ferma di continuo l’azione per dare in una volta sola tutti i dettagli, invece di intermezzarli agli eventi. In questo modo, quando poi riprende l’azione, il lettore, che ha l’impressione di essere stato trascinato all’interno di un saggio, non si ricorda cosa era successo prima, ma soprattutto perde il contatto con i personaggi, si stacca dalla storia e di fatto la sua immaginazione viene strappata dal mondo da essa creato durante la lettura.
In particolare, poi, nella prima metà del libro l’autore fa mille digressioni e apre mille parentesi per raccontare la storia di personaggi totalmente secondari che non hanno alcuna importanza nel portare avanti la trama.
Inoltre, alcuni flashback non sono ben posizionati, non sono in una posizione logica o avrebbero avuto bisogno di una demarcazione ben definita per segnalare la loro posizione nel passato. Si ha l’impressione che alcune scene siano state scritte e poi solo successivamente incastrate tra loro. Molti autori fanno così e non c’è nulla di male, ma il lettore non dovrebbe mai avere questa impressione (che corrisponda o meno a verità).
I tre elementi precedenti (info-dump, digressioni e posizione dei flashback) interrompono di continuo l’azione principale, facendo perdere drammaticità alla lettura.
Nella parte finale del romanzo, inoltre, dopo il climax la storia si trascina in una lunga risoluzione raccontata, che non è affatto necessaria e che danneggia il libro nel suo complesso, anche per via dei comportamenti illogici dei personaggi e l’assenza di realisticità di certi eventi.
C’è poi da dire che la mia sospensione dell’incredulità ha vacillato parecchio per le numerose volte in cui i personaggi vengono esposti al vuoto per lungo tempo e sopravvivono quasi come se niente fosse. Da come tali scene vengono mostrate, sembra quasi che l’unico problema sia l’assenza di ossigeno (e già a quella resistono fin troppo, in particolare in scene di “fatica”) e, in seconda battuta, il vuoto in sé (ma che appare quasi come un problema minore). Mai si legge un accenno ai problemi dovuti alla bassissima temperatura al buio (che congela istantaneamente) o all’altissima temperatura e altri effetti dell’irradiazione solare diretta alla luce (che provoca danni, se possibile, ancora peggiori).
In generale direi che diversi tagli avrebbero giovato al ritmo e al finale del libro, magari molti di tali passaggi avrebbero avuto una migliore collocazione in eventuali note in appendice o addirittura in racconti spin-off (soprattutto, ma non solo, quelli relativi a personaggi secondari).
In ogni caso alla fine ho deciso di dare quattro stelle a questo libro, poiché in esso si percepisce davvero un grandissimo lavoro di ricerca e fantasia da parte dell’autore.

Moon Hunter (formato Kindle, brossura) su Amazon.it.
Moon Hunter (formato Kindle, brossura) su Amazon.com.
Questo libro è in lingua inglese!

Leggi tutte le mie recensioni e vedi la mia libreria su:
aNobii:
http://www.anobii.com/anakina/books
Goodreads: http://www.goodreads.com/anakina