\\ Blog Home : Articolo : Stampa
Il sole nudo - Isaac Asimov
Di Carla (del 19/07/2011 @ 07:49:00, in Scrittura & Lettura, linkato 4916 volte)
More about Il sole nudo


 Un Sherlock Holmes su Solaria

Apri un libro di fantascienza e ti ritrovi a leggere un giallo classico, di quelli alla Sherlock Holmes (con tanto di citazione nel testo) o con i personaggi di Agatha Christie. Qualcuno è stato ucciso in un pianeta lontano e il detective Baley parlando con i sospettati, osservando e con delle semplici deduzioni arriva a scoprire il colpevole per poi smascherarlo nella riunione finale.
 Cosa c'entra la fantascienza? Non molto. È solo un'ambientazione fuori dall'ordinario, completamente inventata dall'autore e che di conseguenza gli dà completa libertà d'azione.
 S'inventa un pianeta dove gli uomini vivono così lontani gli uni dagli altri tanto da non sopportare la presenza altrui. Del delitto non rimane nulla quando il detective arriva dalla Terra e ciò permette di sviluppare una storia fatta di ragionamento e deduzione, senza prove materiali, che in un futuro fantascientifico avrebbero dovuto svelare in un attimo un caso del genere.
 Ma siamo nel 1957 quando Asimov scrive questo romanzo, senza le avanzate tecniche di criminologia forense che esistono adesso, ed è quindi stato un bene che l'autore non abbia cercato di usare qualche strumento fantascientifico, che col passare del tempo avrebbe reso irrealistica (se non risibile) l'intera storia. E invece così, anche dopo più di 50 la storia continua ad essere abbastanza credibile, salvo qualche dettaglio (librifilm e robe simili).
 Il modo in cui viene narrata però ne tradisce l'età e ne fa un romanzo quasi per ragazzi.
 Unica eccezione è il discorso sociologico, che viene inserito a metà romanzo, che è sicuramente di un certo spessore, almeno a livello teorico. Lo è un po' meno se si considera il motivo per cui tale materia viene scomodata, cioè il paragone tra una Terra del futuro, dove un Uomo agorafobico vive costantemente separato dall'esterno e circondato da una folla di simili, col pianeta Solaria, dove gli esseri umani hanno a disposizione spazi immensi e non si vedono mai di persona.
 Ciò che si apprezza è lo sforzo di fantasia dell'autore e si può intravvedere quanto egli si sia divertito ad immaginare delle realtà così irreali e irrealizzabili. Ma il bello della fantascienza è anche questo: l'intrattenimento di chi scrive che si trasmette a chi legge, con tutti i ragionamenti da esso scaturiti, senza necessariamente doverne tirare fuori qualche insegnamento applicabile alla realtà. Perché si tratta di finzione ed è bello che lo sia.

Commento sull'edizione. Nella nostra lingua c'è un bel modo verbale che in inglese non esiste, cioè il congiuntivo. Sarebbe il caso di ricordarsi di usarlo più spesso.

Il sole nudo (brossura) su Amazon.it.
The Naked Sun (formato Kindle, inglese) su Amazon.com.

Leggi tutte le mie recensioni e vedi la mia libreria su:
aNobii:
http://www.anobii.com/anakina/books
Goodreads: http://www.goodreads.com/anakina