\\ Blog Home : Articolo : Stampa
Ubik - Philip K. Dick
Di Carla (del 23/11/2012 @ 07:06:32, in Scrittura & Lettura, linkato 3992 volte)
More about Ubik

 
 Tra la vita e la morte, tra sogno e realtà


Con questo libro per la prima volta mi avvicino a quello che è considerato uno dei più grandi scrittori di fantascienza di tutti i tempi. In realtà Philip K. Dick mi è familiare per innumerevoli trasposizioni cinematografiche delle sue opere, ma questa è la prima volta che di fatto leggo un suo libro.
L'impatto è stato un po' strano. Certo, leggere un romanzo di fantascienza ambientato in un futuro (il 1992) che al giorno d'oggi è già passato (vent'anni fa!) fa un certo effetto. È divertente constatare come spesso nel passato si pensasse a un futuro molto più tecnologico per certi aspetti di quello che poi è stato, con l'uomo che va come se niente fosse sulla Luna, tanto per iniziare. Per altri aspetti invece si nota subito un che di anacronistico, che emerge dai dettagli e dallo stesso linguaggio dei personaggi. Si tratta della cosiddetta tendenza di un certo tipo di fantascienza ad avere una data di scadenza. Ciononostante proprio in questo libro si osserva un fenomeno ancora più strano: la predizione dell'avvento di qualcosa che effettivamente esiste ai giorni nostri, cioè il telefono cellulare.
Al di là di questi elementi, che possono essere facilmente messi da parte durante la lettura, questo libro di Dick affronta temi ben più profondi. In un'atmosfera ricca di elementi paranormali, tanto che nella storia il paranormale è diventato un vero e proprio business (con vari tipi di persone dotate dei più svariati poteri), la narrazione si sofferma sul desiderio umano di sconfiggere la morte o almeno di entrare in contatto con ciò che viene dopo di essa, un contatto nel quale i confini tra reale e sogno non sono affatto chiari.
L'intero libro sfrutta questo inganno, trascinandoci all'interno di un susseguirsi di eventi sempre più incredibili, confondendoci e facendoci dubitare di tutto ciò che finora abbiamo dato per scontato, in un viaggio quasi spirituale. Dick gioca col lettore, divertendolo e lasciandolo a bocca aperta. Un aspetto questo che è comune a tutta la sua opera o perlomeno a buona parte di essa, cioè quella che ci ha presentato finora il cinema. Paradossalmente "Ubik" è uno dei pochi libri di Dick che non ha mai raggiunto lo schermo, né grande né piccolo, nonostante lui stesso ne avesse scritto una sceneggiatura anni dopo la pubblicazione del romanzo.
L'impressione che ho avuto nel leggerlo è che Dick fosse veramente un "pazzo", un vero proprio vulcano di idee, che lui stesso faticava a contenere. Il risultato è una prosa che segue dei percorsi quasi assurdi, ma costruiti talmente bene da risultare geniali anche dopo oltre 40 anni.
Nonostante ciò, il passaggio del tempo in qualche modo si avverte e penso che sia questo il motivo che mi abbia impedito di apprezzarlo fino in fondo. Non so se al giorno d'oggi un libro del genere avrebbe mai potuto essere scritto o se sarebbe stato accolto bene dal pubblico, perché i tempi sono cambiati, ma sarei davvero curiosa di come un cineasta contemporaneo potrebbe modellarlo per adattarlo ai gusti odierni, ammesso che qualcuno sia abbastanza visionario da essere in grado di farlo.
In ogni caso credo che un libro del genere meriterebbe almeno una seconda lettura, proprio per cogliere tutte quelle piccole trappole inserite dall'autore e riuscire veramente ad apprezzarne appieno il suo genio.

Ubik (brossura) su Amazon.it.
 
Leggi tutte le mie recensioni e vedi la mia libreria su:
aNobii:
http://www.anobii.com/anakina/books
Goodreads: http://www.goodreads.com/anakina