\\ Blog Home : Articolo : Stampa
Se la morte muore. Torchwood: Miracle Day
Di Carla (del 29/09/2011 @ 21:59:51, in Serie TV, linkato 2266 volte)


Gli americani mettono le mani, finanziariamente parlando, sullo spin-off di "Doctor Who", dando così origine alla quarta stagione di "Torchwood", sottointitolata "Miracle Day".
Ho sempre seguito un po' a macchia di leopardo le vicende della serie originale inglese, ma sufficientemente da trovarmi ad affrontare questo nuovo prodotto proposto dalla Starz (la stessa di "Spartacus", per intendersi) senza particolare difficoltà. Non che ce ne siano eccessive per lo spettatore che abbia a che fare per la prima volta con le vicende di Jack, Gwen e compagni. Basta informarsi un po' e poi il divertimento è assicurato.
Questa volta i nostri eroi si trovano di fronte ad un problema di proporzioni immerse. Un bel giorno la gente smette di morire, rimanendo intrappolata nel proprio corpo, anche se gravemente malata o fatta a pezzi. Nello stesso giorno Jack, che era immortale, scopre di essere di nuovo mortale.
Chi c'è dietro tutto questo?
Difficile dirlo, ma qualunque sia la causa di questo "miracolo" si tratta senza dubbio di un caso per l'Istituto Torchwood o meglio per i suoi ultimi due membri rimasti: appunto Jack e Gwen.
Grazie al contributo economico dei produttori americani, la storia ovviamente si sposta negli Stati Uniti, ma non è questo l'unico cambiamento. Il budget superiore permette una maggiore qualità tecnica della serie, per quanto riguarda ambientazioni ed effetti speciali, a cui si aggiunge però l'immutata ironia, trasgressione e soprattutto originalità inglese. Tutto ciò rende "Torchwood: Miracle Day" un prodotto assolutamente godibile dagli amanti della fantascienza, la quale una volta tanto sembra non essere costretta a sottostare al perbenismo (o meglio puritanesimo) americano (nonostante sia una co-produzione Stati Uniti/Regno Unito), fatto che rappresenta sicuramente un enorme punto a suo favore.
La serie viene trasmessa su FOX (canale Sky) ogni lunedì, già da tre settimane, dopo la sicuramente meno riuscita "Falling Skies", ed è composta da 10 puntate.