\\ Blog Home : Articolo : Stampa
8 e 14 aprile 2014: l’opposizione e il perigeo di Marte
Di Carla (del 08/04/2014 @ 09:47:10, in Scienza, linkato 2914 volte)

Stanotte, 8 aprile 2014, Marte si troverà esattamente dalla parte opposta del Sole rispetto alla Terra. Questo fenomeno chiamato opposizione si ripete ogni 26 mesi, ma quest’anno è particolare poiché il pianeta rosso si trova nella posizione più vicina alla Terra degli ultimi sette anni. Già da qualche mese abbiamo notato la sua luce rossa farsi più grande di giorno in giorno. In realtà si troverà al perigeo (cioè alla distanza minima dalla Terra) solo il 14 aprile, per via del fatto che le orbite dei pianeti non sono circolari ma ellittiche. Di certo ci aspettano ancora diverse settimane, complice il bel tempo primaverile, per ammirarlo.
 
Marte oggi sarà visibile per tutta la notte. Sorgerà a est e raggiungerà intorno all’una (la mezzanotte solare) la posizione più elevata a sud. In questo suo viaggio è accompagnato da Spica.
Quest’anno il pianeta rosso arriverà a una distanza di 93 milioni di chilometri dalla Terra (in realtà un pochino meno).
 
Ogni 15 o 17 anni, però, si verifica un fenomeno chiamato grande opposizione, l’ultima è avvenuta nel 2003, in cui Marte era ad appena 56 milioni di chilometri. Questa si ripeterà nel 2018 quando la distanza sarà di poco più di 57 milioni di chilometri.
 
È possibile osservare Marte facilmente a occhio nudo. Il suo colore rossiccio è inconfondibile. La sua luminosità in questo periodo è paragonabile a quella di Sirio. Se poi avete un telescopio, in questi giorni vedrete il disco marziano farsi sempre più grande e potrete notarne le caratteristiche con sempre maggiore definizione.
Il 14 aprile inoltre Marte si troverà in congiunzione con la Luna piena (che nel Nord America sarà soggetta a eclisse): uno spettacolo da non perdere.
 
Come forse ricordate circa un anno fa, invece, si era verificato il fenomeno della congiunzione di Marte, cioè il suo passaggio dietro il Sole, che aveva causato l’interruzione delle comunicazioni con gli orbiter e i rover sul pianeta rosso per circa un mese. Lo stesso fenomeno si ripeterà l’anno prossimo.