\\ Blog Home : Articolo : Stampa
Il sonno della risoluzione genera interferenze
Di Guest blogger (del 25/02/2014 @ 15:00:00, in Scrittura & Lettura, linkato 2633 volte)


Il guest post di oggi vede come protagonista l'autrice Noemi Gastaldi, che abbiamo già conosciuto in un intervista del suo blog tour. Stavolta Noemi, che sta promuovendo il suo nuovo romanzo "Il battito della bestia", ci parla di "interferenze spettrali".

Vi è mai capitato di chiedervi come si possa scovare una piccolissima traccia di un qualsivoglia elemento in campioni di cibi o bevande?
Va detto che, se la risposta è "no", probabilmente la vostra mente è più sana della mia.
La mia curiosità ha forse qualcosa di morboso, e un bel giorno mi ha portata nell'affascinante mondo della spettroscopia atomica.
 
Ecco cosa ho scoperto.
Prima di tutto, ogni elemento ha una sua carta d'identità, univoca e inequivocabile.
Illuminando ad esempio un atomo di ferro, esso assorbirà determinate lunghezze d'onda, e restituirà uno spettro di assorbimento caratteristico. Facile, dunque: si punta una luce su un campione sospetto, e il fascio luminoso esce dicendo "eh sì, qui dentro c'è davvero troppo ferro!".
Beh, non proprio così facile.
Lo sarebbe, se nel campione ci fosse solo il Sig. Ferro.
In genere, non è così.
 
Se c'è qualcuno che assorbe lunghezze d'onda sovrapponibili a quelle del ferro, il fascio luminoso esce dal campione piuttosto confuso.
Chiariamo: lo spettro caratteristico c'è, ma il problema è che ce ne sono altri attorno, e non sempre la risoluzione è sufficiente per discriminare.
In questo caso si parla di "interferenze spettrali".
In questo caso, si può arrivare a dire che lo spettro ottenuto è sbagliato.
 
Interferenze spettrali?
Spettri sbagliati?
Può una scrittrice di libri fantasy non innamorarsi di un simile concetto?
No, non io. Non io che amo il fantasy strano. :)
Tra me e gli "spettri sbagliati" è stato amore a prima vista.
Chi sta leggendo la mia saga, sa che di norma io mi occupo di ben altro genere di spettri.
Io scrivo infatti di realtà immateriale e di fantasmi... Ma come è fatto un fantasma sbagliato? E da cosa è generato?
 
Dopo il finale un po' catastrofico del primo volume della mia saga, il concetto di "interferenza dovuta alla sovrapposizione", si è rivelato un mondo tutto da esplorare.
Il mondo oltre i confini non è più quello che abbiamo conosciuto, così come non lo sono gli spettri che lo popolavano.
Ho dunque trovato il modo di far nuovamente impazzire i miei personaggi :) e spero, anche quello di stupire e divertire i miei lettori.
 
Ringrazio di cuore Rita Carla Francesca Monticelli per avermi ospitata ancora una volta sul suo blog, e vi lascio con la sinossi del mio nuovo nato. :)
 
" - Possiamo parlarne?- le chiese la bimba nel cuore della notte.
Lucilla si svegliò e la vide: risplendeva nella stanza buia.
- Parlarne?- rispose trafelata, senza realizzare del tutto che uno spettro fatto di freddo e di rabbia le stesse gentilmente rivolgendo la parola.
- Ti ricordi di me?- Domandò ancora la Larius. - Anni fa ti chiesi di liberarmi. Ti chiesi di uccidermi. Ora non voglio più morire.-
- Tu sei già morta…- riuscì a dire la Viator."

Lucilla si risveglia dopo la battaglia, incredula, incapace di accettare l'idea che il mondo oltre i confini sia stato dissolto.
Ma le basterà trovare il coraggio di affrontare la situazione, per accorgersi che le due facce della realtà, simbionti e inscindibili, sono soltanto cambiate."
 

 

NOEMI GASTALDI è un'accanita "diarista", che pubblica per la prima volta una piccola parte dei suoi scritti nel 2009, collaborando al romanzo "22 fiori gialli" con Tiziano Aromatico (da novembre 2012, edito da eroscultura). Da allora, trascrive le sue esperienze anche sul suo blog.
Nel 2012, Noemi autopubblica il suo primo romanzo fantasy, "Il tocco degli spiriti antichi", primo volume della saga fantasy "Oltre i confini". Nel 2013 segue il secondo volume "Il battito della bestia".
 
 
Visitate il suo sito “I mondi di Noemi”:
http://mondinoemi.altervista.org/
Noemi gestisce anche un blog dedicato ai blog tour, “Blog in tour - alla scoperta di autori indipendenti”:
http://blog-in-tour.blogspot.it