\\ Blog Home : Articolo : Stampa
Come applicare il principio dello "scrivi ciò che conosci" alla fantascienza
Di Carla (del 17/01/2013 @ 00:00:28, in Scrittura & pubblicazione, linkato 3659 volte)


Ho provato a sottoporre questo argomento ad alcuni gruppi in inglese di scrittori sia su Facebook che su Google Plus. In entrambi i luoghi virtuali ho scatenato una lunga discussione su come sia possibile applicare il principio di scrivere di ciò che si conosce a un genere che, per definizione, racconta di luoghi, tempi e tecnologie inesistenti, che non possono quindi essere conosciute.

Ma nell'espressione "scrivi ciò che conosci" c'è un trucco.

Ne parlo in un articolo pubblicato sul blog di Kipple Officina Libraria, intitolato "Scrivere ciò che si conosce nella fantascienza e la sospensione dell’incredulità".
Avrei piacere di sentire le vostri opinioni in merito nei commenti, qui e/o sul blog di Kipple. Vi chiedo anche di condividere questo articolo tra i vostri contatti nei vari social network.

Da autrice di fantascienza, ma anche solo da scrittrice che ama raccontare ciò che non ha sperimentato in prima persona, anzi che usa proprio la scrittura per sperimentare ciò che non conosce, vorrei di sicuro approfondire l'argomento in un post successivo.
Nel frattempo andate a leggere su Kipple, dove faccio anche degli esempi tratti da uno dei più grandi autori contemporanei di fantascienza, oltre che uno dei miei preferiti: Peter F. Hamilton.