\\ Blog Home : Articolo : Stampa
Come mai finisco per uccidere sempre i mariti altrui?
Di Guest blogger (del 12/01/2013 @ 04:47:49, in Scrittura & Lettura, linkato 4439 volte)
Oggi ho il piacere di ospitare un simpatico guest post di Giulia Beyman, che parte da una riflessione ironica per mettere in evidenza un aspetto importante che uno scrittore non dovrebbe mai dimenticare quando sviluppa il protagonista della sua storia.
 
In quei momenti di riflessioni semiserie che ogni tanto capitano, soprattutto nei periodi di maggiore stress, mi sono ritrovata a pormi una domanda niente affatto secondaria sul mio lavoro di scrittrice: “Come mai finisco per uccidere sempre i mariti altrui?
Ho fatto morire il marito della protagonista della mia serie - Nora Cooper, agente immobiliare che ha il piuttosto insolito dono di comunicare con l'aldilà - durante una rapina in banca al suo esordio in “Prima di dire addio” (ma non vi dirò altro in proposito perché fa parte del giallo da svelare) e accanto a Nora, nel secondo libro, “Luce dei miei occhi”, ho messo una nuova co-protagonista, Susan Bley, neanche a dirlo, anche lei vedova, ma da diversi anni e per altri motivi che non hanno niente a che vedere con il giallo.
 
Bastano queste piccole differenze tra i due casi ad assolvermi dal duplice omicidio?
Forse no. Così, con qualche senso di colpa, per il momento mi sono imposta di non uccidere nessun altro marito nel terzo libro che sto già scrivendo, e così la co-protagonista che affiancherà Nora Cooper, la misteriosa Kelly Scott, sarà, all'inizio della storia, una donna sola. Ma per scelta questa volta, senza alcun bisogno di far fuori nessuno, per fortuna.
Ma al di là di ogni ironia, io, che come scrittrice di storie di suspense, per lavoro uccido, non ho potuto non chiedermi come mai abbia fatto fuori con tanta nonchalance ben due mariti in due libri. Un caso quasi da primato.
 
E qui, per fortuna, viene fuori la parte un po' più seria della mia riflessione. Una parte che forse può essere utile a chiunque, per lavoro o non, si debba confrontare con una storia, e quindi - soprattutto - con dei personaggi.
Perché è indubbio che ogni buona storia sia la storia del suo protagonista, e che ogni storia debba cogliere il suo protagonista in uno stato di profondo squilibrio emotivo.
Come scrive Chris Vogler nel suo fondamentale “Il viaggio dell'eroe”: “In ogni buona storia, l'eroe cresce e cambia, compiendo un cammino da un modo di essere all'altro: dalla disperazione alla speranza, dalla debolezza alla forza, dalla follia alla saggezza, dall'amore all'odio e viceversa. Sono questi percorsi emozionali che rendono la storia interessante.”
Ed è questo movimento, da uno stato emotivo all'altro, che costituisce il fulcro dell'arco di trasformazione del personaggio, indispensabile in ogni buona storia.
 
Forse non tutti gli scrittori avranno bisogno di uccidere mariti, come ho fatto io. E prometto comunque di rifarlo, in futuro, solo se strettamente necessario. Ma per chiunque ami scrivere, di qualunque genere vi occupiate, vale lo stesso consiglio. Se amate davvero il vostro protagonista, mettetelo alle strette e creategli quanti più ostacoli possibili, meglio se di grande coinvolgimento emotivo e psicologico, perché per dipanarli possa dare il meglio alla vostra storia.
E se davvero non sapete come, chiudete gli occhi, e immaginate di essere voi il vostro protagonista. Cosa vi spaventa? Di cosa avete paura? In quale situazione davvero non sapreste come reagire?
 

 

GIULIA BEYMAN è autrice di due romanzi mystery “Prima di dire addio” e “Luce dei miei occhi”, tutti e due in fase di traduzione in inglese. Prima di dedicarsi a tempo pieno alla scrittura di libri, ha lavorato per diversi anni come giornalista free-lance e poi come sceneggiatrice televisiva.
Potete trovare i suoi libri su Amazon.
Potete contattare Giulia Beyman online: sul suo Blog, su Facebook e su Twitter.

Grazie mille a Giulia per il suo contributo!